grammatica italiana

I nomi non numerabili




I nomi non numerabili (o nomi massa) indicano entità che non possono essere contate.

Es. Un burro, due burri, ecc.

Come vedete l’esempio riporta la formazione del plurale di burro e gli aggettivi numerali in modo erroneo. Non è infatti possibile fare il plurale dei nomi non numerabili, così come non è possibile contarli. L’articolo che può accompagnare a diritto i nomi massa è il partitivo.

Es. Mi passi del burro?

Se volessimo specificare la quantità di burro dovremmo ricorrere a un altro nome numerabile da far precedere a burro.

Es. Mi passi due panetti di burro?

E la stessa cosa avviene per altri nomi, come acqua, latte, sale, ecc. In genere si tratta di entità indistinte (spesso liquide) per cui è impossibile determinare la quantità se non in base al peso o ai contenitori utilizzati.

Es. Mi passi dell’acqua?/Mi passi due bicchieri d’acqua?/Mi passi 1 litro di acqua?

Alcuni nomi non numerabili, nell’italiano più recente, hanno assunto caratteristiche differenti e hanno preso a comportarsi come se fossero a tutti gli effetti dei numerabili. La parola caffè è diventata numerabile per questioni di praticità al bar.

Es. Un caffè, due caffè, ecc.

Si può dire anche “acque termali” o “acque minerali”. Si tratta, come spiega l’Accademia della Crusca, di un fenomeno sviluppatosi a partire dalle campagne pubblicitarie che da poco tempo a questa parte hanno introdotto anche il plurale di latte, proprio in virtù della presenza di diversi tipi di prodotto sul mercato, un po’ come era già accaduto con l’acqua. Luca Serianni in Grammatica Italiana cita anche altri esempi come mieli e risi.

Sicuramente il primo impatto non è dei migliori soprattutto a livello sonoro, non siamo abituati a sentir pronunciare questi nuovi plurali e ci sembrano strani, ma spesso molte parole derivano dall’uso che se ne fa nella lingua, per cui bisogna solo attendere per verificare se queste forme entreranno o meno a diritto nella nostra quotidianità. Per ora conviene affidarsi alla grammatica ufficiale e utilizzare le forme singolari almeno per alcuni di questi nomi.

Rossella Monaco


Condividi